Home Page Istituzionale | Scrivici

aire@comune.gorizia.it
tel_fax 0481 383 227

Assessore
Alessandro Vascotto

Dirigente
Rosamaria Olivo

logo 150 anni dell'unità d'Italia

Goriziani residenti all'estero iscritti all'A.I.R.E.
(Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero)

Informazioni istituzionali

Per formalizzare la propria condizione di italiano all’estero è necessario iscriversi all’A.I.R.E. Informazioni aggiornate sulla comunità dei corregionali nel mondo possono essere reperite sul sito web della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia www.emigrazione.regione.fvg.it

 

 

 

Cos'è l'AIRE?

L’AIRE, istituita nel 1988 con la Legge 27.10.1988, n. 470 e D.P.R. 06.09.1989, n. 323 (Regolamento di esecuzione) è l’Anagrafe della popolazione italiana residente all’estero. E’ parte integrante dell’anagrafe italiana e contiene i dati di tutti i cittadini che risiedono all’estero.

Le anagrafi dei cittadini italiani residenti all’estero sono tenute presso i Comuni in Italia. Nei registri AIRE devono essere registrate le informazioni e le mutazioni concernenti sé stessi e quelli su cui si esercita la patria potestà o tutela relative allo stabilimento di residenza all’estero, cambi di residenza o abitazione che hanno luogo all’estero ed allo stato civile e di cittadinanza.

Chi deve iscriversi all'AIRE?

Si devono iscrivere:

Chi NON deve iscriversi all'AIRE?

Non si devono iscrivere:

 

torna su

 

Come iscriversi all'AIRE?

Iscriversi all’AIRE è semplicissimo. Basta recarsi entro 90 giorni dalla data di arrivo nel territorio estero presso l’Ufficio Consolare competente e fornire le notizie anagrafiche indicate in un modulo che sarà compilato dal funzionario incaricato. L'Ufficio consolare invierà quindi il modulo al Comune italiano nel quale avverrà l’iscrizione.

I cittadini possono anche iscriversi direttamente all’AIRE del proprio Comune italiano al momento di trasferire all’estero la propria residenza recandosi presso l’Ufficio AIRE del Comune di Gorizia muniti di un valido documento di identificazione per dichiarare il trasferimento all’estero fornendo tutti i dati relativi all’indirizzo e ai familiari interessati all’emigrazione. Per la definizione della pratica occorre comunque che l’interessato si presenti al Consolato Italiano (www.esteri.it/MAE/IT/Ministero/Rappresentanze/) nello stato di residenza all’estero che invierà il modulo al Comune italiano di ultima residenza.

Si consiglia di verificare le modalità di iscrizione contattando direttamente il Consolato competente.

Le persone nate all’estero che hanno acquistato la cittadinanza italiana per nascita devono far registrare l’Atto di nascita presso il Consolato Italiano nello stato di residenza all’estero il quale provvederà a trasmettere tutta la documentazione necessaria al Comune italiano competente per la successiva trascrizione presso i registri di stato civile. A seguito della trascrizione l’interessato che ne abbia fatto richiesta presso il Consolato verrà iscritto all’AIRE del Comune e se maggiorenne anche alle liste elettorali.

All’AIRE possono iscriversi anche le persone che hanno acquisito la cittadinanza italiana all’estero per: matrimonio con cittadino/a italiano/a, riconoscimento, adozione, naturalizzazione, dichiarazione di volontà, riacquisto della cittadinanza italiana, facendo richiesta al Consolato italiano competente.

Dopo aver presentato presso il Consolato la domanda di iscrizione all’AIRE per espatrio:

Come si aggiorna l'AIRE?

L’aggiornamento dipende da ognuno di noi. Ogni cittadino italiano residente all’estero deve comunicare al competente Ufficio Consolare:

l’Ufficio consolare provvederà all’inoltro delle informazioni acquisite al Comune italiano di iscrizione AIRE del connazionale.

Inoltre i cittadini italiani sono tenuti ad avvertire il Consolato quando rientrano definitivamente in Italia, quando si verifica un decesso in famiglia, quando perdono la cittadinanza italiana.

 

torna su

 

Gli iscritti all'AIRE:

diritto di voto all’estero

Il cittadino italiano residente all’estero può scegliere se votare all’estero, per corrispondenza o tornare a votare in Italia.

La decisione di votare in Italia deve essere comunicata per iscritto al Consolato o alla Rappresentanza Diplomatica (il modulo per comunicare l’opzione voto in Italia va richiesto al Consolato italiano competente per territorio) entro il 31 dicembre dell’anno precedente la scadenza della legislatura o, in caso di scioglimento anticipato delle camere o di referendum, entro 10 giorni dall’indizione delle elezioni o del referendum. La scelta non è definitiva e dovrà essere rinnovata a ogni elezione.

 

Operazioni di voto per corrispondenza.
Agli elettori che hanno deciso di votare per corrispondenza il Consolato invia, in prossimità delle elezioni, un plico con:
- il certificato elettorale
- la scheda elettorale
- due buste, una affrancata e una bianca

Gli elettori che a 14 giorni dalla data delle elezioni non hanno ricevuto il plico, possono richiederlo, presentandosi di persona al proprio Ufficio consolare.

Per votare:
- inserire nella busta bianca la scheda con l’espressione di voto
- inserire la busta bianca chiusa in quella affrancata, e inserire il certificato elettorale
- chiudere il tutto e inviare al Consolato.

Per essere valide, le buste con le schede devono arrivare entro le 16.00 del giovedì che precede le elezioni. Le schede arrivate in ritardo vengono bruciate.
È responsabilità del Consolato inviare in Italia le buste pervenute in tempo.

Casi in cui non è possibile votare all’estero
Non possono votare per corrispondenza i cittadini residenti in paesi dove non si è giunti a intese che garantiscono le regolarità del voto.
In questi casi, l’elettore ha diritto al rimborso del 75% delle spese di viaggio sostenute per il rientro in Italia.
Per richiedere il rimborso: presentare domanda al proprio Ufficio Consolare, corredata del certificato elettorale e del biglietto di viaggio.

Per le elezioni amministrative (regionali, provinciali, comunali) si può votare solo rientrando in Italia nel Comune di iscrizione alle liste elettorali.

Sono previste riduzioni del 60% sulle tariffe dei biglietti per viaggi in treno e altre agevolazioni anche autostradali per recarsi nel proprio Comune a votare. (informazioni al sito Trenitalia www.trenitalia.com e Ferrovie dello Stato www.ferroviedellostato.it)

 

Siti utili:

Ministero dell’Interno www.interno.it

Ambasciate e Consolati italiani all’estero www.esteri.it

Assistenza sanitaria

Per tutte le informazioni si può consultare il sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it (al Tema Assistenza sanitaria italiani all’estero e stranieri in Italia).

Altri siti utili

Organizzazione mondiale della sanità www.who.int

Istituto Superiore della Sanità www.iss.it

Regione autonoma Friuli Venezia Giulia www.regione.fvg.it

Azienda per i Servizi Sanitari n. 2 isontina http://portale.ass2.sanita.fvg.it

Obblighi fiscali

Per tutte le informazioni si può consultare il sito dell’Agenzia delle entrate www.agenziaentrate.gov.it

Patente auto

E' possibile rinnovare la propria patente italiana in un Paese dell’UE rivolgendosi esclusivamente alle Autorità estere del Paese di residenza "normale" (per residenza normale si intende il luogo in cui una persona dimora abitualmente per almeno 185 giorni all'anno), come chiarito al Paragrafo 4 della Circolare del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti n. 30 del 21 maggio 1999.

 

Siti utili:

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti www.mit.gov.it

Ministero degli Affari Esteri www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari

Viaggiare sicuri www.viaggiaresicuri.mae.aci.it

Automobile Club Italiano (ACI) www.aci.it

Provincia di Gorizia www.provincia.gorizia.it

 

torna su

Con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia - Servizio Corregionali all'Estero e Lingue Minoritarie

Comune di Gorizia - Piazza Municipio, 1 - 34170 Gorizia - Tel. 0481 383111 P.IVA 00122500317
scrivi alla casella di posta elettronica certificata: comune.gorizia@certgov.fvg.it
Privacy - Legal Terms