logo
Il Portale turistico del Comune di Gorizia

 

link versione italianalink versione slovenalink versione friulanalink versione ingleseicona webcam
link alla homelink a contattilink alla mail
link alla storialink ad eventilink alle newslink ai percorsi a temalink alla ricettivitŕ link a prodotti tipicilink a links
Home > Percorsi a tema > Villa Coronini Cronberg

Percorsi a tema

Edifici Storici

Villa Coronini Cronberg

Il Palazzo fu costruito nell’ultimo decennio del XVI secolo su committenza di Carlo Zengraf.
Considerazioni di natura difensiva consigliarono la costruzione di un edificio caratterizzato dai toni austeri e rigidi propri di una casa-forte.
Molto probabilmente l’immobile fu realizzato su progetto all’architetto militare Giulio Baldigara, in questi anni presente a Gorizia dove rivestiva la carica di architetto arciducale.
La morte di Zengraf e sopravvenute difficoltà economiche costrinsero gli eredi, a vendere quanto in loro possesso al nobile Riccardo di Strassoldo. Fu la sua famiglia a modificare la struttura del Palazzo fino alla definizione di un’architettura molto simile a quella che oggi si può ammirare.
Tra gli interventi più significativi vi fu, verso il 1640,  la costruzione, a poca distanza dal corpo principale, di una cappella ad unica navata dedicata a S. Anna.
Tra il XVII e il XVIII secolo, furono edificati l’edificio delle scuderie ai limiti della proprietà, due manufatti ad uso agricolo e di abitazione per i coloni nelle immediate vicinanze del palazzo e, nel 1685, al centro dell’aia (di fronte alle scuderie), il pozzo a coronamento del quale fu collocata una vera quattrocentesca.
Il 7 ottobre 1820 tutte le proprietà immobiliari e tutti i diritti giurisdizionali furono messi all’incanto ed acquistati dal conte Michele Coronini (1793-1876).
A partire dal 1833 il conte Michele Coronini sottopose il palazzo a massicci interventi di ristrutturazione: i primi due livelli furono destinati alla residenza mentre il terzo fu in gran parte occupato dalla ricca biblioteca di famiglia.
Terminati da poco i lavori, nell’ottobre del 1836, l’ultimo re di Francia, Carlo X di Borbone, all’epoca in esilio in una cittadina nei pressi di Praga, decise di trasferirsi con la sua corte a Gorizia. Qui prese in affitto per sé il palazzo dei Coronini, lasciato libero dal conte Michele, mentre per il resto del suo seguito optò per il palazzo di Antonio Strassoldo, sito nell’odierna Piazza S. Antonio (oggi Grand Hotel Entourage).
Tra il XIX e il XX secolo la direzione della casa e delle proprietà passarono dalle mani del conte Alfredo (1846-1920) al figlio Carlo (1870-1944) che dovette assumersi, dopo il 1918, tutto l’onere della ricostruzione delle proprietà pesantemente danneggiate durante gli eventi bellici del primo conflitto mondiale; ricostruzione che si concluse negli ultimi mesi del 1923.
Durante il secondo conflitto mondiale il palazzo fu affittato, dopo l’8 settembre 1943, alle truppe tedesche che vi installarono un proprio comando e portarono a compimento importanti modifiche al parco e all’edificio.
Verso la fine del conflitto, il Palazzo continuò a essere destinato ad uso militare, prima come sede di un comando partigiano jugoslavo, poi di quello delle truppe alleate, che vi rimasero fino a tutto il 1947.
La famiglia riprese a vivere nella dimora di Viale XX Settembre soltanto a partire dal 1951. Poco tempo dopo l’edificio passò dall’essere casa d’abitazione a dimora storica.
Guglielmo Coronini mise a punto l’idea di creare una fondazione che potesse perpetuare la memoria storica del palazzo e delle famiglie che vi avevano vissuto. La sua morte (13 settembre 1990) condusse il progetto all’interruzione.

Per ulteriori informazioni:  www.coronini.it
 

 

L M M G V S D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
banner sistemazioni

 


Realizzazione del Sito: Servizio attività economiche e sviluppo turistico.
e-mail: turismo@comune.gorizia.it