logo
Il Portale turistico del Comune di Gorizia

 

link versione italianalink versione slovenalink versione friulanalink versione ingleseicona webcam
link alla homelink a contattilink alla mail
link alla storialink ad eventilink alle newslink ai percorsi a temalink alla ricettivitŕ link a prodotti tipicilink a links
Home > Itineraris > Centri Storic

Itineraris

Centri storic

 
 
 

Vignint jù di Borc Cjascjel dilunc vie D'Annunzio (Riva Cjascjel), si rive intal cûr dal centri storic de citât, dulà che si cjatin une schirie di placis senografichis e di stradis antighis che a àn in flanc glesiis e palaçs.

PLAZA DOMO.

La prime che si cjate e je Place Cavour (Plaza Domo), sierade de façade liniare dal Palaç dai Stâts Provinciâi, che vuê al ospite la Cuesture. Fat sù tal 1200 e slargjât tal 1500, il palaç al fo la sede dai »paris de patrie gurizane«, la assemblee dulà che a vevin man rapresentants de nobiltât, dal clericât e de contee, che e aministrà par sîs secui la citât e il sô teritori. Su la place si mostrin altris palaçs antîcs: la Cjase dal Comun, dal Cinccent, cul carateristic spuart tai plans disore, residence dal Gastalt; la Cjase dai Ungrispach, une des plui antighis de citât, in stîl tart gotic, cuntune façade dulà che e risalte la targhe cu la date MCCCCXLI; lis cjasis antighis sul imprin di vie Rastello.

IL DOMO .

Di schene a place Cavour si cjate il Domo, edifici imponent cuntun implant dal Cuatricent, dedicât ai Sants Ilari e Tazian, che si mostre su la place omonime. Il didentri al conserve un aspiet dal Sîscent, cun ricjis decorazions barochis, preseâts altârs dal '600 e dal '700, un pulpit dal Sietcent decorât cun basrilêfs, la grande lapide cu la imagjin di Lenart, l'ultin Cont di Guriza, muart a Lienz ai 12 di Avrîl dal 1500. La pale inte cube che e rapresente la Virgjine cui SS. Ilari e Tazian e je di Giuseppe Tominz (1825). Insom de navade diestre si jentre inte Capele Gotiche dedicade a Sant Acazi, fate sù dai Conts di Guriza e zontade al Domo sul principi dal 1400.

PLACE SANT ANTONI .

Dongje di place Cavour e je Place Sant Antoni che e je sierade di un puarti ariôs, che une volte al apartignive al claustri di un convent che, daûr de lejende, al fo fondât intal secul III di Sant Antoni di Padue. Su la place si fasin fûr doi tra i palaçs plui interessants de citât, il Palaç dai Barons Lantieri (Senàus) e il Palaç dai Conts di Strassolt.
Il Palaç dai Barons Lantieri, une des residencis plui prestigjosis jenfri chês dai siôrs gurizans, al è fat di une serie di edificis fats sù de Ete di Mieç incà. La part plui antighe e je la torate dal Dusinte, che e à un puint jevadôr, e che e fâs part de cente des muris di Guriza, che daspò e fo cjapade dentri de Schoenhaus ("La cjase biele"), residence dai Conts di Guriza. Tra i diviers ospits innomenâts che a forin a stâ intal palaç, o ricuardìn Piu VI, Napoleon, Metastasio, Da Ponte, Casanova e Carlo Goldoni. Il pari di Goldoni al jere miedi dal Cont Lantieri.
Il Palaç dai Conts Strassoldo, che vuê al ospite un albierc prestigjôs, al siere il flanc plui lunc de place, in face dal puarti, e al dêf il so aspiet presint a un cambiament dal tart Cincent. Tal 1836 li al fo a stâ il Duche di Angoulême (che i monarchics francês a àn ricognossût tant che re Luigi XIX). Lis spoiis dal Duche a son soteradis - cun chês dal pari Carli X di Borbone, che al veve cjatât ripâr ancje lui a Guriza - inte cripite dal Convent di Castagnevize, che cumò si cjate intal teritori de vicine Slovenie

VIE RASTEL E PLAZA GRANDA.

E fâs part dal nucli antîc de citât (che al jere sierât di muris e di un fossâl) ancje vie Rastello (via Rastel), une des stradis plui carateristichis dal centri. Vie Rastello, une volte, e jere sierade di un porton (il »rastiel«, di dulà che al ven fûr il sô non), che al divideve la citât de campagne: cumò e je une carateristiche vie pedonâl che e salte fûr in Place Vittoria (Plaza Granda), la plui grande de citât, dulà che si mostre la Glesie di Sant Ignazi; ; fate sù dai Gjesuits dal 1654 fin al 1767, e je une costruzion imponente che e lee cun armonie stilemis dal Baroc austriac cuntun implant tipic talian. I caraterizin la façade (fate suntun progjet dal gjesuit austriac Christoph Taucher tor dal 1720) doi tors alts, coronâts di cupulis a cevole.
Te place e risalte la Cjase Torriana, che e à vût origjin tal Cinccent, che vuê e je la sede de Prefeture. Tra i tancj ospits preseâts che culì a forin a stâ, al fo ancje Giacomo Casanova, che chi fo a stâ tal 1773 e che inte sôs »Memoriis« al conte ancje di cheste sô soste gurizane.
Tal centri de Place si cjate la Fontane dal Nettuno, eseguide tor de metât dal 1700 dal padoan Marco Chiereghin suntun progjet di Nicolò Pacassi, invezit devant de Glesie di Sant Ignazi si cjate la Colone di Sant Ignazi donade dal Cont Dree di Purcie e metude li tal 1867.

 


DI VIE CARDUCCI A PLAZA CUAR.

Di Place Vittoria, bande vie Carducci ve ca il splendit Palaç Cobenzl Codelli, dal Cinccent, sede dal Arcivescovât. Vie Carducci e puarte in Place De Amicis (Plaza Cuar), dominade de façade di chel che al è probabilmentri il palaç plui biel di Guriza, Palaç Attems Petzenstein, che al è stât realizât suntun progjet di Nicolò Pacassi e finît tor dal 1754. La façade dal palaç - cuntun cuarp centrâl che al è prominent e dôs alis laterâls - e finìs cuntune balustrade elegante decorade cun statuis. Al è imponent ancje il didentri, sede dai Museus Provinciâi.

IL GHET.

Daûr dal palaç Attems si cjate vie Ascoli (Contrada dal Ghet), cûr dal Ghet, dulà che la Comunitât Ebraiche gurizane si incjasè tal 1600. Vuê l'edifici plui rapresentatîf di chel che une volte al jere il ghet gurizan e je la Sinagoghe, che e ten ancje il preseôs museu didatic de Piçule Jerusalem sul Lisuns, là che si pues capî il disvilup tai secui de comunitât ebraiche di Guriza, lis sôs tradizions e i siei leams cu la grande culture de Mitteleurope.
E je di segnalâ dentri dal Museu la sale dedicade a la vore grafiche e pitoriche di Carlo Michelstaedter.

VIA DAL ZARDIN.

Lant indevant dilunc vie Ascoli, si cjape Cors Verdi (via dal Zardin), cul splendit palaç de Biblioteche civiche. Palaç Werdenberg, che si cjate in vie Mameli, al è cumò sede de Biblioteche Statâl Isontina. Fat sù tra il 1655 e il 1747, dal secul stât al ospite lis racueltis librariis citadinis. A son interessantis, dal pont di viste architetonic, lis dôs lozis cun arcs in piere e il scjalon monumentâl cun stucs dal Sietcent. Su la stesse crosere dulà che si mostre la Biblioteche, ve ca la masse severe dal complès di Sante Clare, che al è dal Sîscent. Intes salis dal complès a saran gjavâts fûr spazis pes ativitâts universitariis. Su la crosere si mostre ancje il Museu de Arcidiocesi, ben montât, che al tignarà une des racueltis plui significativis di art e di artesanât sacri di dute la zone di Alpe Adria: il Tesaur dal Domo o tesaur di Aquilee (cun reperts preseôs de Ete di Mieç) e la cussì clamade donazion Teresiane.

 

L M M J V S D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
banner sistemazioni

 


Realizzazione del Sito: Servizio attività economiche e sviluppo turistico.
e-mail: turismo@comune.gorizia.it