Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Giovedí 19 Ottobre 2017
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

Servizi Comunali

Soggiorno in Italia di Cittadini comunitari

Dall'11 aprile 2007, con l'entrata in vigore del D.Lgs 30/07 la disciplina in merito al soggiorno in Italia per i cittadini comunitari è sostanzialmente cambiata.

Tale disciplina è stata inoltre estesa ai cittadini dello Spazio Economico Europeo, ovvero della Svizzera, della Repubblica di San Marino, Norvegia, Islanda e Liechtenstein

Il cittadino comunitario può liberamente soggiornare in Italia per periodi inferiori ai 3 mesi senza alcuna formalità.

Qualora il soggiorno abbia caratteristiche di stabilità nel tempo, (superiore ai 3 mesi), il cittadino comunitario deve richiedere l'iscrizione nell'Anagrafe della Popolazione Residente del comune ove abita dimostrando, oltre a quanto previsto dalla normativa anagrafica, (verifica della dimora abituale nel comune) il possesso dei requisiti richiesti dal Decreto Legislativo con le modalità meglio specificate in seguito alla voce iscrizione anagrafica di cittadini comunitari.

Concluso il procedimento di iscrizione, al cittadino verrà rilasciata dal Comune di residenza una attestazione di soggiorno che, di fatto va a sostituire la "vecchia" carta di soggiorno.

Il cittadino comunitario già iscritto nell'Anagrafe della Popolazione Residente di un comune italiano può richiedere l'attestazione di residenza al Comune di iscrizione secondo quanto meglio specificato alla voce richiesta di attestazione di soggiorno per cittadini comunitari già residenti

Il decreto legislativo 30/07 stabilisce anche che il cittadino dell'Unione che ha soggiornato legalmente ed in via continuativa in Italia per 5 anni acquisisce un diritto di soggiorno permanente. Tale titolo esonera l'interessato dalla conservazione dei requisiti previsti dal decreto legislativo per il riconoscimento del diritto di soggiorno. Sull'argomento è possibile trovare maggiori delucidazioni alla voce diritto di soggiorno permanente

Per informazioni è possibile rivolgersi allo sportello 2 dell'Ufficio Anagrafe Responsabili dei procedimenti e delle Istruttorie

Diritto di soggiorno permanente

Il cittadino dell'Unione che ha soggiornato legalmente ed in via continuativa per 5 anni nel territorio nazionale, acquisisce il diritto di soggiorno permanente.

Tale titolo esonera l'interessato dalla conservazione dei requisiti previsti dal decreto legislativo 30/07 per il riconoscimento del diritto di soggiorno ma, l'assenza dal territorio nazionale di durata superiore a 2 anni consecutivi comporta la perdita del diritto.

La richiesta dell'attestazione di diritto di soggiorno permanente, deve essere presentata dal cittadino comunitario al Comune di residenza e deve essere corredata dalla documentazione atta a dimostrare la sussistenza delle condizioni previste per la maturazione del diritto

Per dimostrare la continuità il cittadino deve comprovare di aver soggiornato in Italia alle condizioni previste dal decreto legislativo e senza essere stato oggetto di misure di allontanamento.

Con circolare dd. 18.7.07, il Ministero dell'Interno ha indicato che, ai fini del calcolo dei 5 anni, si considera come data di decorrenza la data di inizio validità del titolo di soggiorno (permesso o carta di soggiorno) già posseduto dall'interessato, il quale, se in corso di validità è sufficiente a dimostrare la regolarità del soggiorno.

Qualora il precedente titolo di soggiorno risulti scaduto, la sussistenza delle condizioni, analoghe a quelle necessarie per l'iscrizione anagrafica ed il rilascio dell'attestato di soggiorno, deve essere dimostrata dal richiedente attraverso l'esibizione di idonea documentazione (Vedi richiesta attestato di soggiorno )

L'allegato 3 riporta il modello per la richiesta di rilascio dell'attestato di soggiorno permanente.(*)

Costo:

Il cittadino dovrà presentarsi munito di una marca da bollo uso amministrativo di € 16,00 che verrà apposta sull'istanza
L'attestato che verrà rilasciato costerà ulteriori € 16,52 – (di cui €16,00 di bollo virtuale e € 0,52 di diritti di segreteria) da versare direttamente all'Ufficio Anagrafe.

Richiesta attestato di soggiorno per cittadini comunitari già residenti

Il cittadino comunitario residente in Italia, richiede al comune di residenza l'attestazione di soggiorno che, di fatto, sostituisce la carta di soggiorno.

Tale documento viene rilasciato ai cittadini che hanno diritto di soggiorno previa presentazione di apposita istanza con diverse modalità:

  1. cittadino comunitario residente con titolo di soggiorno in corso di validità o scaduto con ricevuta dell'avvenuta istanza di rinnovo presentata alle poste prima dell'11.4.07 - Oltre all'istanza il cittadino dovrà consegnare il titolo di soggiorno e le eventuali ricevute e dichiarare la sussistenza delle condizioni previste dal D.Lgs 30/07 (vedi punto B)
  2. Cittadino residente senza alcun titolo di soggiorno o con titolo di soggiorno scaduto senza ricevute dell'avvenuta presentazione dell'istanza di rinnovo.
    Il cittadino, oltre all'istanza, deve dimostrare di avere i requisiti richiesti dal D.Lgs 30/07, ovvero, di ricadere in una di queste tipologie:

    1. Soggiorno per motivi di lavoro in Italia
      Documenti richiesti:

      • Documentazione attestante l'attività lavorativa esercitata (es. contratto di lavoro)(*)
    2. Soggiorno senza svolgere attività lavorativa in Italia
      Documenti richiesti:

      • Documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche sufficienti al soggiorno (**)
      • Polizza di Assicurazione che copra le spese sanitarie, (n)
    3. Soggiorno per motivi di studio
      Documenti richiesti:

      • Documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche sufficienti al soggiorno (**)
      • Polizza di Assicurazione che copra le spese sanitarie, (n)
      • Documentazione attestante l'iscrizione presso un istituto pubblico o privato riconosciuto
    4. familiare di cittadino dell'Unione avente autonomo diritto di soggiorno.
      Documenti richiesti:

      • Eventualmente documento che attesti la qualità di familiare (***) o di familiare a carico – se non già in possesso degli uffici anagrafici

Costo:

il cittadino dovrà presentarsi munito di una marca da bollo uso amministrativo di €16,00 che verrà apposta sull'istanza.
L'attestato che verrà rilasciato costerà ulteriori € 16,52– (di cui €16,00 di bollo virtuale e € 0,52 di diritti di segreteria) da versare direttamente all'Ufficio Anagrafe

Iscrizione anagrafica di cittadini comunitari

Il cittadino Comunitario per richiedere l'iscrizione anagrafica deve presentarsi presso gli sportelli anagrafici con la documentazione richiesta a seconda della tipologia in cui ricade.

Scarica documentazione necessaria per l’iscrizione anagrafica di cittadini di Stati appartenenti all’Unione Europea.

Scarica modello istanza iscrizione.

Conclusa una prima disamina della documentazione prodotta al cittadino viene immediatamente rilasciato un attestato di avvenuta presentazione dell'istanza.

Verificata anche la sussistenza della dimora abituale nel comune all'indirizzo indicato, il cittadino comunitario, unitamente alla comunicazione di conclusione del procedimento, riceverà l'invito a presentarsi agli sportelli anagrafici per ritirare l'attestato di soggiorno previa apposita istanza.
Scarica il modello dell'istanza di rilascio dell'attestato di soggiorno.

Costo:

il cittadino dovrà presentarsi munito di una marca da bollo uso amministrativo di €16,00 che verrà apposta sull'istanza.
L'attestato che verrà rilasciato costerà ulteriori € 16,52 – (di cui €16,00 di bollo virtuale e € 0,52 di diritti di segreteria) da versare direttamente all'Ufficio Anagrafe

Condizioni previste per il diritto di soggiorno:

documentazione richiesta a seconda delle tipologie:

  1. Iscrizione anagrafica del cittadino dell'Unione avente autonomo diritto di soggiorno.
    1. Soggiorno per motivi di lavoro in Italia
      Documenti richiesti:

      • Passaporto (o equipollente)
      • Codice fiscale (Italiano)
      • Documentazione attestante l'attività lavorativa esercitata (contratto di lavoro)(*)
    2. Soggiorno senza svolgere attività lavorativa in Italia
      Documenti richiesti:

      • Passaporto (o equipollente)
      • Codice fiscale (italiano)
      • Documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche sufficienti al soggiorno (**)
      • Polizza di Assicurazione che copra le spese sanitarie.(n)
    3. Soggiorno per motivi di studio
      Documenti richiesti:

      • Passaporto (o equipollente)
      • Codice fiscale (italiano)
      • Documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche sufficienti al soggiorno (**)
      • Polizza di Assicurazione che copra le spese sanitarie.n )
      • Documentazione attestante l'iscrizione presso un istituto pubblico o privato riconosciuto
    4. Iscrizione per motivi religiosi
      Documenti richiesti

      • Passaporto (o equipollente)
      • Codice fiscale (italiano)
      • Dichiarazione del responsabile della comunità religiosa in Italia, attestante la natura dell'incarico ricoperto
      • Assunzione dell'onere del vitto ed alloggio vistata dalla Curia Arcivescovile o da equivalente Autorità religiosa presente in Italia;
      • Dichiarazione del responsabile della Comunità di assunzione delle spese sanitarie o la Polizza di copertura sanitaria.n )
  2. Iscrizione anagrafica del familiare del cittadino dell'Unione avente autonomo diritto di soggiorno.
    Documenti richiesti:

    • Passaporto (o equipollente)
    • Codice fiscale (Italiano)
    • Documento che attesti la qualità di familiare (***) o di familiare a carico
  3. Iscrizione anagrafica di altro familiare (****) del cittadino dell’Unione avente autonomo diritto di soggiorno.
    Documenti richiesti:

    • - Passaporto (o equipollente) -
    • Codice fiscale (Italiano) -
    • Documento dello Stato del cittadino dell’Unione titolare del diritto di soggiorno in Italia dalla quale risulti il rapporto parentale ovvero la relazione stabile registrata nel medesimo stato; -
    • Autodichiarazione del cittadino dell’unione della qualità di familiare a carico o convivente, ovvero della sussistenza dei gravi motivi di salute che impongono l’assistenza personale da parte del cittadino dell’Unione avente autonomo diritto di soggiorno; -
    • Assicurazione sanitaria, ovvero altro titolo denominato idoneo a coprire tutti i rischi nel territorio nazionale; -
    • Autodichiarazione del cittadino dell’Unione della disponibilità di risorse sufficienti per se’ e per il familiare o convivente;

Note:

( * )
Il cittadino dell'Unione già lavoratore subordinato o autonomo conserva il diritto di soggiorno se:

I cittadini dei paesi neocomunitari (Bulgaria e Romania), relativamente all'accesso al mercato del lavoro sono attualmente soggetti da un regime transitorio che durerà fino al 1.1.08 – ovvero, non ci sono particolari condizioni per chi lavora nei settori agricolo, turistico alberghiero, di assistenza alla persona, edilizio, metalmeccanico, dirigenziale ed altamente qualificato.
Per gli altri settori è necessario il possesso del nulla osta dello Sportello unico dell'immigrazione

( ** )
Vedi tabella allegata.

Limite di reddito Numero componenti
€ 5.577,00 Solo richiedente
€ 8.365,00 Richiedente + un famiiare
€ 11.154,00 Richiedente + due familiari
€ 13.942,00 Richiedente + tre familiari
€ 16.731,00 Richiedente + quattro familiari
€ 10.849,80 Richiedente + due o + minori di 14 anni
€ 13.562,25 Richiedente + due o + minori di 14 anni e un familiare

( *** )
I familiari del cittadino dell'Unione aventi diritto di soggiorno sono:

( **** )

( n ) Il Ministero della Salute in accordo con il Ministero dell’interno stabilisce la non equiparabilità della tessera Europea alla polizza Sanitaria o all’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale.
Indicano come titoli idonei a tale scopo i modelli E106, E109, E120 o E121 rilasciati dal paese di provenienza o una polizza assicurativa privata della durata di almeno un anno o, almeno pari al corso di studi o di formazione professionale se inferiori all’anno.