Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Domenica 17 Dicembre 2017
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

Servizi Comunali

Sinagoga

Museo della Sinagoga "Gerusalemme sull'Isonzo"

Via G. I. Ascoli 19
Telefono 0481 532115 - Fax 0481 522056

La Sinagoga è aperta al pubblico il martedì e il giovedì dalle 17.00 alle 19.00 e la seconda domenica mattina del mese dalle 10.00 alle 13.00. Inoltre, in questi orari si può telefonare al n° 0481-532115 per prenotare visite guidate fuori orario.

Informazioni

Assessorato alla Cultura
presso il Comune di Gorizia

Associazione Amici di Israele
presso la Sinagoga di Gorizia sito web: www.amicidisraelegorizia.it  posta elettronica: ass_israele_go@yahoo.it

Storia ed utilizzo attuale

Costruita nel 1756, la Sinagoga fu utilizzata dalla comunità ebraica di Gorizia fino alla sua scomparsa nel 1969, quando, a causa del numero troppo esiguo di ebrei rimasti in città, venne accorpata a quella di Trieste. Nel 1978 la comunità di Trieste donò l'edificio in abbandono al Comune, perchè lo restaurasse e lo destinasse ad attività culturali riguardanti l'ebraismo, ciò che è avvenuto dalla riapertura, avvenuta nel 1984.
Attualmente la Sinagoga non è adibita al culto. Il percorso museale, realizzato al pianterreno dell'edificio, è stato strutturato pensando ai più giovani e al visitatore tipo, non necessariamente esperto conoscitore della storia e delle tradizioni ebraiche. Al primo piano si può visitare il tempio, che conserva la profonda suggestione di un luogo fuori dal tempo, dove poche modifiche sono intervenute dal Settecento, quando venne costruito. Il museo ebraico "Gerusalemme sull'Isonzo" presenta al visitatore la storia del popolo ebraico attraverso i secoli, soffermandosi in particolare sulla comunità ebraica goriziana. Il museo comprende isole informatiche e pannelli didattici a corredo dell'esposizione permanente. Una sezione nuova del museo è dedicata a Carlo Michelstaedter e alle sue opere pittoriche. Queste, insieme ai manoscritti originali e alle edizioni delle sue opere e dei saggi che lo riguardano, fanno parte del "Fondo Michelstaedter", costituito grazie alla donazione della sorella di Carlo, Paula.
Presso la Sinagoga si possono avere informazioni sulle numerose attività svolte dall'Associazione Amici di Israele.