Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Domenica 22 Settembre 2019
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

News ed Eventi

Presentazione libro “Alida Valli - da Pola a Hollywood e oltre” di Alessandro Cuk

11 Marzo 2019

Sala Dora Bassi - via Garibaldi, 7 - ore 17.30 Introdotto dalla presidente dell'ANVGD Maria Grazia Ziberna, sarà lo stesso autore Alessandro Cuk a presentare il libro che ha dedicato ad Alida Valli (Pola 1921 - Roma 2006), in cui ripercorre la carriera cinematografica e la storia umana di una delle attrici italiane più importanti e significative del Novecento, partendo dalle sue origini istriane e mettendo in evidenza quanto queste siano state importanti per la sua vita.

Alida Valli - in realtà baronessa Alida Maria Laura Altenburger von Markenstein und Freuenberg - lasciò Pola a 9 anni per seguire la famiglia, in quanto il padre (insegnante, un nobile di origine tirolesi che aveva sposato Silvia Obrekar di origini istriane) era stato trasferito in una scuola di Como, ma Pola le rimase nel cuore. Esordì giovanissima sul grande schermo, interpretando fin dall'inizio ruoli da protagonista e diventando ben presto l'attrice simbolo del cinema italiano del periodo fascista, recitando in Piccolo mondo antico (1941), considerato il miglior film di Mario Soldati, che riscosse un enorme successo. Nel 1943 altrettanto successo ottenne cantando la canzone Ma l'amore no, colonna sonora del film Stasera niente di nuovo, che divenne la canzone italiana di maggior successo e più trasmessa dall'EIAR nel corso dei due ultimi e più bui anni di guerra. Nel 1944 si trasferì a Hollywood dove venne diretta anche da Alfred Hitchcock, e recitò accanto a Gregory Peck, Frank Sinatra e Orson Welles. Tornata in Italia, recitò in Senso, il capolavoro di Luchino Visconti. Ricevette numerosi premi, tra gli altri, due volte il David di Donatello e alla Mostra di Venezia il Leone d’oro alla carriera per il suo straordinario cammino interpretativo. Nel 2004 la Croazia decise di premiarla come grande artista croata, ma lei rifiutò il premio affermando: "Sono nata italiana e voglio morire italiana". Trascorse gli ultimi anni di vita in condizioni di indigenza, al punto che le venne concesso il vitalizio previsto dalla legge Bacchelli.

Alessandro Cuk, giornalista e critico cinematografico, è vicepresidente del Cinit - Cineforum Italiano e presidente del Comitato Provinciale di Venezia dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia. Collabora da più di 25 anni a numerosi giornali e riviste, occupandosi in maniera specifica di temi riguardanti lo spettacolo.

Organizzato da:
ANVGD -Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia- di Gorizia
Passaggio Alvarez, 8
Tel. 0481.534655