Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Lunedí 21 Agosto 2017
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

Il Comune

Premio Santi Ilario e Taziano Città di Gorizia

2017 –Leopoldo TERRANEO

LA SUA VITA
  • Nasce a Cascina Amata di Cantù il 06/03/1945, da mamma Rina e papà Carlo. Ha due fratelli, Flavio e Mariella, e una famiglia molto grande fatta di zii e cugini che hanno caratterizzato tutta la sua giovinezza.
  • Si è diplomato al Setificio di Como come perito chimico tintore nel 1964.
  • Tra il 1964 e il 1968 lavora presso la tintoria Albonico di Como nel reparto resinatura come operaio specializzato.
  • Tra il 1967 e il 1970 frequenta all’Università Cattolica di Milano i corsi serali dove conosce Mirella Della Valle.
  • Dalla metà del 1968 al 1970, lavora presso la ditta Crippa di Monza come capo reparto nella produzione di finte pelli in poliuretano. Successivamente, la ditta trasferisce la produzione a Cormons e decide di trasferirsi in Friuli per seguire l’avvio della nuova azienda nel 1970, dove svolge il ruolo di capo reparto sempre nella produzione di finte pelli in poliuretano.
  • Il 18 dicembre 1971 si sposa con Mirella. Da quel giorno la famiglia si allarga e negli anni successivi nascono i suoi 3 figli: Lorenzo, Benedetta e Isabella. Ha sempre vissuto a Gradisca d’Isonzo, città che è da allora nel suo cuore, e dove tutt’oggi vivono ancora i suoi figli, i generi e i suoi tre nipotini: Leonardo, Pietro e Allegra. 
  • Nel 1978 nasce la Soteco S.p.a. a Savogna d’Isonzo. Credendo fortemente in una nuova tecnologia per produrre la pelle sintetica, si dedica a questo progetto con anima e cuore. A quel tempo poche persone (o nessuna) vogliono seguirlo in questo progetto, ma con l’aiuto economico di Aronne Pezzoli, che gli dà piena fiducia, fonda la società. 
  • Mentre Soteco cresce e si espande, nascono Soteco 2, Futura Textile e Pack International, tutte facenti parte del gruppo Soteco. 
  • Nel 1988, innamorato della terra friulana, decide con sua moglie di acquistare l’Azienda Agricola Castelvecchio, una tenuta in decadimento in quegli anni. Si impegnano molto per ridare alla proprietà un nome, recuperandone la storia e quello che la terra offre: dei prodotti di grande qualità. Nel 2010, recuperandone il patrimonio storico e artistico, inaugurano il Parco Grande Guerra e il Parco Porto Sepolto dedicato a Giuseppe Ungaretti. A Castelvecchio lavora la figlia Isabella che si dedica alla parte commerciale e la moglie Mirella, soprattutto nell'ambito della valorizzazione del territorio.
  • Nel 1997 nasce la Miko S.r.l. nella zona industriale di Gorizia in quanto crede con forza nella produzione di microfibre di alta qualità derivante dalla plastica riciclata. Qui lavorano il figlio Lorenzo e la figlia Benedetta. Ad oggi Miko è un’azienda d’eccellenza che opera con successo nel settore dell’auto per rivestimenti d’interni ed è conosciuta in tutto il mondo.
In tutte queste iniziative, la moglie Mirella è sempre stata al suo fianco, sapendo consigliarlo e supportandolo fin da giovane nelle scelte che l'hanno portato fin qui. Ringrazia tutti i suoi collaboratori che in tanti anni di lavoro hanno contribuito al successo di queste aziende.
 
LA SUA PASSIONE PER LO SPORT
 
È sempre stato un amante dello sport e appassionato di ciclismo fin da piccolo. Ha gareggiato in gare ciclistiche come esordiente e allievo vincendo nel 1961 il premio come campione provinciale. Quando non si allenava in bicicletta, giocava a calcio nella polisportiva del suo paesino, ma non è mai stato un grande campione.
La passione per il basket è nata frequentando la pallacanestro di Cantù. A quel tempo c’erano importanti nomi di atleti che sono ancora suoi grandi amici.
Dal 1990 al 1998, con la moglie, si è avvicinato al basket di Gorizia, riuscendo a portare la squadra di questa città dalla serie B1 all’A1. Ricorda con grande piacere e un po’ di nostalgia le promozioni, gli allenatori, i giocatori, i collaboratori e gli sponsor che in quegli anni facevano parte delle sue domeniche. Sono ricordi bellissimi che ancora lo legano a questi grandi campioni.
Nel basket è tutt’ora presente in quanto socio fondatore e presidente onorario della polisportiva Nordest Disabili di Gradisca d’Isonzo, che sponsorizza da quando è nata. 
Nel mondo del ciclismo ricorda l’arrivo del Giro d’Italia a Gorizia e la partenza da Gradisca d’Isonzo nel 2001 e le varie manifestazioni ciclistiche organizzate a Gradisca. Ringrazia  moltissimo i campioni ciclistici che vi hanno partecipato.