Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Venerdí 18 Agosto 2017
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

Servizi Comunali

Piano di zona dell'ambito distrettuale 2.1 "Alto Isontino"

 

 

 

 

Il PIANO DI ZONA (PDZ) rappresenta lo strumento fondamentale per la programmazione e l’organizzazione dei servizi alla persona a livello territoriale e costituisce una componente significativa delle più ampie politiche regionali di welfare. In altre parole il PDZ si conferma come un “vero e proprio piano regolatore del sistema dei servizi alla persona” a livello locale in quanto deve essere finalizzato a dare stabilità e sviluppo non solo al sistema delle politiche sociali, ma anche al sistema integrato socio sanitario. Nel processo di pianificazione, accanto ai Comuni associati negli ambiti distrettuali, alle Aziende per i servizi sanitari, alle Aziende pubbliche di servizi alla persona, alle Province e alla Regione per le funzioni di programmazione, coordinamento e indirizzo, sono intervenuti nel processo di pianificazione zonale le famiglie e i cittadini che in forme individuali o associative hanno realizzato iniziative di solidarietà sociale, nonché l'ampia serie di organismi qualificanti il terzo settore.
In questo quadro di riferimento è d’obbligo richiamare il tema dei livelli essenziali delle prestazioni del sistema integrato, il quale ha come obiettivo il fornire risposte omogenee sul territorio regionale e di individuare i servizi e gli interventi che devono essere comunque garantiti in ogni ambito territoriale. In relazione a quanto sopra esplicitato il “livello essenziale” può, in questa prima fase, essere definito come un insieme di azioni/prestazioni, assicurate su tutto il territorio regionale, che vedono concorrere sul piano finanziario Comuni e Regione e alle quali hanno diritto di accedere i cittadini, con priorità per i soggetti fragili.
 
Da un punto di vista meramente operativo, l’art. 24 della LR 6/2006 stabilisce che il PDZ ha validità triennale e viene aggiornato annualmente, inoltre, le linee guida diramate dalla Regione prevedono che oltre alla sua approvazione per il triennio 2013-2015 sia approvato anche il PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE (PAA) che rappresenta la declinazione annuale degli obiettivi triennali della programmazione locale. Il PAA è lo strumento attraverso il quale si realizzano concretamente per l’anno di riferimento le previsioni contenute nel PDZ e si definisce la spesa sociale complessiva per l’annualità di riferimento.
 
 
 
 
 

  

Progetto Affidamento Familiare