Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Lunedí 15 Ottobre 2018
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

News ed Eventi

Incontro alla BSI - “La Musica nella Divina Commedia”

03 Maggio 2018

Sala Periodici della Biblioteca Statale Isontina - Via Mameli, 12 - ore 17.30
Nell'ambito degli incontri della Dante in Biblioteca, intervento di RITA DE LUCA su:
“LA MUSICA NELLA DIVINA COMMEDIA”

Nel poema dei cento «canti», la dimensione musicale è una delle più affascinanti e meno studiate. Lungo tutta la Commedia, Dante si dimostra esperto della musica a lui contemporanea, e utilizza metafore e simbologie musicali in modo coerente e continuo per parlare dell’argomento centrale del suo poema: l’amore di Dio.
La musica nella Commedia è simbolo dell’ascesa dall’eterna negazione dell’amore (Inferno), passando per l’amore imperfetto (ma tendente alla perfezione) del Purgatorio, fino all’espressione dell’amore assoluto. I pochissimi esempi di allusione alla musica strumentale nella Commedia sono tutti collocati nell’Inferno. I rumori dei gironi costituiscono una «anti-musica» sgraziata e casuale, che evidenzia la distanza incommensurabile fra l’armonia celeste e la disarmonia infernale: la «polifonia» dei rumori simultanei è una delle numerose parodie infernali delle liturgie di bellezza del Paradiso. Nel Purgatorio, la musica rinasce ed intraprende un cammino di purificazione costellato dai frequenti rimandi ai canti liturgici della tradizione monodica («gregoriana»).
L’approdo al Paradiso segna l’ingresso di Dante nel regno della polifonia, che alla sua epoca era praticata in forma improvvisata in Italia, e già muoveva i primi passi in forma scritta nelle scuole parigine «d’avanguardia».

Organizzato da:
Società Dante Alighieri - Comitato di Gorizia
Eventi biblioteca Statale Isontina