Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Domenica 22 Ottobre 2017
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

News ed Eventi

Campagna informativa - “Io non rischio”

14 Ottobre 2017

Iniziative nell’ambito della campagna nazionale “Io NON Rischio” edizione 2017

A Gorizia in Piazza Vittoria dalle ore 9 alle 18

Sabato 14 ottobre 2017, nelle piazze dei 107 capoluoghi di provincia italiani si svolgerà la settima edizione di "Io non rischio". Ciascun capoluogo ospita un evento che riunisce tutte le organizzazioni di volontariato di protezione civile della provincia. Una giornata di incontri e di discussione in piazza con i cittadini, finalizzata all’informazione sui rischi e sulle scelte che ogni cittadino e ogni comunità può fare fin da subito per ridurli; volta a diffondere buone pratiche di protezione civile, sensibilizzare i cittadini sul tema della prevenzione ed approfondire sul rischio sismico, di alluvione e maremoto.
Il cuore dell’iniziativa – giunta quest’anno alla settima edizione a livello nazionale – è il momento dell’incontro in piazza tra i volontari formati e la cittadinanza. Ma l’edizione 2017 sarà un’occasione speciale, perché le piazze si arricchiranno di iniziative ed eventi: i volontari, infatti, accompagneranno la cittadinanza in un percorso legato alla conoscenza dei rischi specifici del territorio e alla memoria dei luoghi.

A Gorizia i volontari dei Gruppi Comunali della Protezione civile di Gorizia, Gradisca d’Isonzo e Cormons saranno presenti in piazza Vittoria dalle 9 alle 18 con i gazebo e la Colonna Mobile che interviene nelle emergenze.
Ai cittadini, oltre al materiale informativo (disponibile anche in lingua friulana e slovena), verranno fornite tutte le spiegazioni sui rischi nella nostra regione (con anche la cronistoria degli eventi sismici ed alluvionali nella nostra provincia, a partire dal XIV secolo) e quali sono i comportamenti corretti da tenere nelle situazioni di emergenza dovuti alle calamità; in questo modo i cittadini stessi possono divenire, a loro volta, “Protezione civile di se stessi” e degli altri. Oltre allo scopo informativo sul corretto comportamento in caso di emergenza, sarà anche un modo per avvicinare i cittadini alla Protezione civile ed acquisire eventuali nuovi volontari.