Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Lunedí 17 Giugno 2019
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

News ed Eventi

ANVGD - Presentazione di “La Zaratina’’ di Silvio Testa e “La… liberazione di Zara 1944-1948’’ di Tullio Vallery

08 Aprile 2019

Palazzo Alvarez, via Armando Diaz, 8 - ore 17.30. Introdotta dalla presidente dell'ANVGD Maria Grazia Ziberna, sarà la prof.ssa Adriana Ivanov, zaratina, a presentare i due testi, che entrambi parlano delle vicende di una città che per le terribili devastazioni che ha dovuto subire durante la guerra è stata definita la Dresda dell’Adriatico. A partire dal 2 novembre 1943 decine di pesanti bombardamenti angloamericani radono praticamente al suolo la perla veneziana, occupata dai tedeschi, mentre la popolazione civile, prevalentemente di lingua e cultura italiana, fugge dove può: chi nella madrepatria, chi nelle campagne, vivendo di stenti ai margini di una città fantasma. Nell’autunno del 1944 contro la superstite popolazione italiana si accaniscono i titini, che intendono rimuovere ogni traccia di italianità, e cominciano a scalpellare tutte le targhe italiane, i monumenti, le statue. «Andate via», dicono gli amici croati agli amici italiani. La gente comincia a scomparire, gettata viva nelle voragini, o uccisa a bastonate, o annegata in mare. Il primo è un romanzo storico che narra, in parte, le reali vicende familiari della famiglia dell’autore: è sua madre, Daria Crivellari, la giovane e coraggiosa zaratina. Il secondo è un libro di memorie di Vallery, all’epoca studente universitario, ragazzo capace e sensibile, dotato di acuto spirito di osservazione, che presenta fatti storici ed esperienze vissute in prima persona.

Silvio Testa, veneziano, è giornalista e saggista, già redattore del Gazzettino. Il suo romanzo è stato accolto con grande favore dal pubblico e dalla critica.

Tullio Vallery, pubblicista, cultore di storia, promotore culturale, è nato a Zara nel 1923, e dal 1948 vive a Venezia. E’ una figura di spicco del mondo dell’associazionismo degli esuli: dopo pochi mesi dal suo arrivo a Venezia diviene collaboratore di “Difesa Adriatica”, poi consigliere del Comitato di Venezia dell’ANVGD (di cui sarà presidente dal 1970 al 2009, oggi presidente onorario) consigliere nazionale dell’ANVGD, consigliere del Libero Comune di Zara, Cancelliere della Scuola Dalmata di Venezia, fondatore e direttore di varie riviste culturali e storiche di storia dalmata.

Organizzato da: ANVGD -Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia-