Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Domenica 19 Agosto 2018
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

News ed Eventi

ANVGD di Gorizia - “Farfalle di Zara” e “Židov. Il salvataggio degli ebrei in Jugoslavia”

19 Febbraio 2018

Sala Dora Bassi - Via Garibaldi,7 - ore 17.30

“Farfalle di Zara” di Domenico Del Monaco.
Introdotto da Maria Grazia Ziberna e da Adriana Ivanov, sarà lo stesso autore a presentare il suo romanzo, in cui ricostruisce l’odissea di una ideale famiglia dalmata, spostatasi da Zara dopo il bombardamento del ’43 a Pola e, dopo la strage di Vergarolla, imbarcatasi nel piroscafo Toscana per raggiungere Ancona, dove gli esuli vengono ricevuti con insulti umilianti. Il padre dei ragazzi resterà a Pola, a protezione degli anziani suoceri e insieme ad essi sparirà, infoibato, mentre i suoi figli ancora bambini viaggiano con la giovane madre verso Udine. E’ la loro storia di bambini ormai cresciuti ed invecchiati che emerge  tra lacrime nostalgiche, e la più bella delle speranze: dopo la morte tornare a volare liberi come le farfalle nel cielo azzurro di Zara.

“Židov. Il salvataggio degli ebrei in Jugoslavia e Dalmazia e l'intervento della II Armata 1941-1943” di Gino Bambara.
Nei ricordi dell’Autore, tuttora vivente e testimone di questi avvenimenti, una pagina poco conosciuta della Shoah, su cui rifletteranno Lorenzo Drascek, Presidente dell’Associazione “Amici di Israele”, e un rappresentante della Comunità ebraica di Trieste.
«Židov» è la parola serba per ebreo. Erano circa 78 mila gli ebrei che vivevano nei territori della ex Jugoslavia (Serbia, Croazia, Slovenia, Dalmazia, Bosnia e Montenegro) quando il 12 aprile 1941 i nazisti entrarono a Belgrado, allora capitale del Regno di Jugoslavia. La maggior parte fu vittima dell'Olocausto, ma almeno 3.500 si salvarono grazie all'Esercito italiano che, ignorando le leggi razziali del 1938 e il nulla osta di Mussolini alla consegna degli ebrei ai nazisti, sottrasse migliaia di vite umane alla furia di tedeschi e ustascia. Nei ricordi dell'autore, testimone di questi avvenimenti, una pagina poco conosciuta dell'Olocausto.
Gino Bambara, dalmata di Zara, ha infatti partecipato agli eventi del Secondo conflitto mondiale in Grecia e Jugoslavia quale ufficiale della divisione di fanteria Murge. Dopo l'armistizio si è unito alla resistenza antinazista, combattendo con i partigiani jugoslavi. Al termine del conflitto ha insegnato Storia e Filosofia ed è poi stato dirigente scolastico di un liceo di Brescia.

Organizzato da:
ANVGD di Gorizia
Passaggio Alvarez,8