Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Mercoledí 17 Luglio 2019
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

News ed Eventi

1916 - 2016. IL CENTENARIO DELLA PRESA DI GORIZIA.

Dal 16 Maggio 2016 al 30 Novembre 2016

Mostra storica al Castello di Gorizia

Il 9 agosto 2016 ricorre il centenario dell'entrata in forze delle truppe italiane a Gorizia. Dopo cinque giorni di battaglia sul Sabotino, sul Calvario e sul San Michele i resti della 58ª divisione di fanteria austriaca furono costretti a ritirarsi su una nuova linea difensiva posta ad est della città.
Fu per il Regio Esercito Italiano una grande vittoria, ben preparata e condotta. La conquista di Gorizia rimase di fatto uno dei momenti più significativi nella storia del conflitto italo austriaco, se non a livello globale di tutto il conflitto mondiale 1914-18. 
Il Comune di Gorizia, con la collaborazione dell'Associazione “ISONZO-gruppo di ricerca storica”, celebra l'importante anniversario con questa mostra, e collegata pubblicazione, che attraverso fotografie, documenti e oggettistica d'epoca, richiama i fatti bellici e spiega come l'evento ebbe risonanza a livello propagandistico, illustrativo e divulgativo negli stati coinvolti nel conflitto. 
La mostra è suddivisa in varie sezioni. Dai preparativi attuati con maestria e segretezza, alla sesta battaglia dell'Isonzo, dal 4 al 16 agosto 1916, suddivisa in due fasi ben distinte. Una di avanzata italiana ( 4-9 agosto) e la seconda (10-16 agosto) di arresto sulla nuova linea di fronte.
Segue una sezione dedicata ad Aurelio Baruzzi ed alla sua temeraria impresa che gli valse la medaglia d'oro. I fatti sono descritti in una intervista, integralmente riportata, rilasciata dall'ufficiale nel 1922 e scarsamente nota.
Di seguito viene trattata la figura di Vittorio Locchi, il letterato che seppe riassumere poeticamente nella sua opera principale, “La sagra di Santa Gorizia”, i fatti d'arme della 12ª divisione di fanteria, che per prima entrò in Gorizia.
Un ampio approfondimento è dedicato alla carta stampata ed alla propaganda d'epoca. Giornali e periodici illustrati non solo italiani ma anche francesi, inglesi, americani e austriaci vengono sinteticamente analizzati per lo spazio, ed i contenuti, che riservarono all'evento della presa di Gorizia. Analogamente viene richiamato il ruolo della cartolina illustrata che prepotentemente divenne un ulteriore veicolo di diffusione dell'immagine della città conquistata.
A Gorizia italiana è dedicata un'ampia sezione fotografica, per di più di origine privata e inedita, con la quale il visitatore potrà capire e rivivere lo stato in cui versava Gorizia, una città martirizzata dagli eventi bellici.
Una sezione è rivolta pure agli artisti che seppero e vollero, anche per esperienza personale, illustrare gli eventi bellici ed in particolare la battaglia per Gorizia. Artisti sia italiani come il Brass, il Sartorio, il Marussig, sia austriaci come il Pamberger e l'Assmann che videro “dal vivo” la guerra a Gorizia e seppero riprodurla con varie tecniche artistiche.
La mostra chiude con un appendice con la quale si ricorda la morte dell'imperatore Francesco Giuseppe avvenuta il 21 novembre 1916, e la salita al trono della duplice monarchia di Carlo, l'ultimo regnante del casato. 
 
La mostra è visitabile fino al 30 novembre 2016


Orario di apertura: lunedì dalle 9.30 alle 11.30
da martedì a domenica dalle 10.00 alle 19.00
 
Per informazioni: 
Castello di Gorizia (Borgo Castello, 36)
tel. 0481 535146
urp@comune.gorizia.it