Menù veloce: Ricerca nel sito. Menu di navigazione. Vai al contenuto.

Stemma del Comune di Gorizia
Lunedí 19 Agosto 2019
testo con carattere normaletesto con carattere mediotesto con carattere grande

Servizi Comunali

TASI - Tributo comunale per i Servizi Indivisibili

GUIDA AL CALCOLO DELLA TASI

 

 

 

La TASI (Tributo comunale per i Servizi Indivisibili) è una delle tre componenti della IUC (Imposta Unica Comunale), assieme alla TARI e all'IMU.

La legge finanziaria per il 2016 ha disposto l’esclusione dalla TASI per i terreni agricoli e le unità immobiliari destinate ad abitazione principale dal possessore nonché dall’utilizzatore e dal suo nucleo familiare, a eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9.

 

 

CHI DEVE PAGARE LA TASI

Nel comune di Gorizia, i soggetti passivi TASI sono dunque i proprietari di immobili di categoria "A" (Abitazioni) appartenenti nello specifico alle categorie A/1, A/8 e A/9 (c.d. abitazioni "di lusso") e relative pertinenze (una per ogni categoria tra C2, C6 e C7) che li utilizzino come abitazione principale (come definita per l’IMU, ossia con coincidenza di residenza anagrafica e dimora abituale).

Nessun altro fabbricato o terreno del territorio comunale è soggetto a TASI.

 

 

COME DETERMINARE LA BASE IMPONIBILE E CALCOLARE L’IMPOSTA

Per calcolare l’imposta è necessario prima determinare la base imponibile, ricavandola dal valore catastale degli immobili secondo il seguente calcolo

  1. Rivalutazione della rendita. Le rendite catastali dei fabbricati vanno rivalutate del 5%;
  2. Applicazione del moltiplicatore. Le rendite così rivalutate vanno moltiplicate per 160.

Al valore così ottenuto, va applicata l’aliquota prevista dal Comune che è pari al 1,5 ‰

 

 

DETRAZIONI

Facendo riferimento alla rendita catastale del solo immobile di categoria “A”, non rivalutata né parametrata, si calcola la detrazione secondo i seguenti scaglioni:

Per gli immobili con rendita catastale superiore a Euro 440,00 non è prevista alcuna detrazione.

Non è dovuto alcun versamento qualora l’imposta netta complessiva per l’anno (somma degli importi dovuti per tutti gli immobili assogettati, al netto di tutte le detrazioni e le riduzioni applicabili) sia inferiore a 12,00 Euro.

Per facilitare il calcolo dell’imposta è possibile utilizzare l’apposito calcolatore: l’applicativo consente di effettuare anche la stampa del modello F24 completo di dati anagrafici del contribuente.

 

 

MODALITÀ DI VERSAMENTO E SCADENZE

I versamenti devono essere effettuati esclusivamente con modello F24 presso i seguenti intermediari:

Presso gli stessi intermediari o, in alternativa, a questo indirizzo è possibile reperire i modelli F24 in bianco.

Sono disponibili le istruzioni dettagliate per il calcolo dell'imposta e la compilazione corretta del modello F24.

Per coloro che possiedano immobili in altri comuni italiani, a questo indirizzo è possibile reperire il corretto codice catastale da indicare nel modello F24.

Si ricorda che il modello F24 è esente da spese e commissioni.

 

L’imposta va versata in due rate di uguale importo con scadenze 16 giugno e 16 dicembre. Qualora la scadenza cadesse di sabato o in un giorno festivo, il versamento potrà essere rinviato al primo giorno lavorativo utile.

È consentito il versamento in unica soluzione dell'intero importo annuo entro la scadenza della rata di acconto.

 

In base a quanto riportato sopra, le scadenze di pagamento 2019 sono così fissate:

 

Anche per il 2019 è prevista la stampa e l'invio a domicilio dei modelli di versamento già compilati. Chi non li ricevesse o riscontrasse errori nel calcolo può richiederne la correzione e la ristampa rivolgendosi direttamente allo sportello.

In alternativa è possibile richiedere l'invio dei modelli a mezzo posta elettronica scrivendo alla casella tributi@comune.gorizia.it.

 

 

RAVVEDIMENTO OPEROSO

In caso di omesso, insufficiente o tardivo versamento del tributo, la sanzione prevista dalla Legge è pari al 30% dell'imposta non versata. Tuttavia è possibile sanare la propria posizione ricorrendo entro un anno al ravvedimento operoso, il quale prevede l'applicazione di sanzioni in misura ridotta, proporzionate al tempo trascorso dal mancato pagamento.

Il contribuente che intenda avvalersi di tale facoltà deve versare il tributo mancante o il maggior tributo dovuto, la sanzione e gli interessi effettuando il versamento tramite modello F24 compilato come da istruzioni.

Sanzioni ed interessi vanno calcolati sulla sola imposta non versata.

Gli interessi vanno calcolati applicando il tasso legale in ragione degli effettivi giorni di ritardo.

Il tasso legale stabilito dal Ministero dell'Economia e Finanze ed applicato a partire dal 01/01/2019 ammonta allo 0,80% annuo.

A titolo informativo si ricordano i tassi legali applicati negli ultimi due anni:

2018: 0,30%;
2017: 0,10%;

 

Le sanzioni previste sono le seguenti:

Per ritardi di oltre 1 anno dalla scadenza, come detto, si provvede d’ufficio al recupero di quanto non versato applicando la sanzione intera, pari al 30,00% dell’imposta, oltre agli interessi di legge.

Si considera quale scadenza il termine ultimo di versamento per la rata oggetto di ravvedimento.

 

 

RIMBORSI E COMPENSAZIONI

Il contribuente che abbia effettuato versamenti in eccesso rispetto al dovuto può richiederne il rimborso entro il 31 dicembre del quinto anno successivo al versamento.

L'ente provvederà alla restituzione aggiungendo alle somme dovute gli interessi al tasso legale in ragione dei giorni effettivamente trascorsi tra la data di versamento e quella di emissione del provvedimento di rimborso.

La domanda di rimborso può essere presentata per posta ordinaria o direttamente allo sportello compilando l'apposito modello.

In alternativa al rimborso, gli eventuali importi versati in eccesso sulla rata di acconto possono essere utilizzati a compensazione di quanto ancora dovuto per lo stesso anno di imposta.

Analogamente a quanto disposto per i versamenti, non si procede a rimborso qualora l’importo totale da restituire (comprensivo di tributo e di eventuali sanzioni ed interessi) sia inferiore a € 12,00.

 

 

INFORMAZIONI E CONTATTI

Per ogni ulteriore chiarimento, l’ufficio tributi è a disposizione nella sede di Piazza Municipio 1
(tel: 0481 - 383 358; e-mail: tributi@comune.gorizia.it) con il seguente orario:

 

Nei mesi di MAGGIO/GIUGNO e NOVEMBRE/DICEMBRE

 

 

 

 


DOWNLOAD ALLEGATI

Istruzioni per il ravvedimento operoso TASI
(file application/pdf - 126.25 KB)
Modello per la richiesta di rimborso
(file application/pdf - 59.04 KB)
Modello di dichiarazione IMU/TASI Enti non commerciali
(file application/pdf - 450.69 KB)